Connect with us

Cointelegraph

I marchi devono tokenizzare i loro programmi fedeltà e premi

La tokenizzazione dei punti premio per i marchi aprirà le porte all'adozione di massa delle criptovalute, rendendolo un ecosistema globale….

Published

on

L'adozione di token non fungibili è servita come punto di ingresso pratico per gli utenti che si uniscono all'economia cripto, guidati principalmente dai rispettivi fandom e dalla natura incentrata sui benefici dei token. Ad esempio, se sei un superfan di Lebron James, puoi capire perché "The Block" delle finali NBA del 2016 è prezioso su NBA Top Shot senza capire la blockchain. Ma quando si tratta di marchi, è probabile che le stablecoin diventino il più grande punto di ingresso.

Reinventare i punti premio

Vendere ai clienti esistenti costa ai marchi meno che acquisirne di nuovi, motivo principale per cui oltre il 90% delle aziende avere qualche tipo di programma di fidelizzazione dei clienti. I punti premio sono uno dei metodi più efficaci per aumentare sia la fedeltà dei clienti che le entrate. Ad esempio, Starbucks Rewards è uno dei programmi di premi di maggior successo in circolazione. Ha più di 19 milioni di iscritti, con il riscatto dei punti responsabile per quasi il 50% del fatturato aziendale. Starbucks utilizza Starbucks Rewards per allinearsi ai propri obiettivi di business in modo da aggiungere valore e aumentare il coinvolgimento dei clienti attraverso un approccio divertente e ludico.

L'approccio di Starbucks per raggiungere le masse è molto diverso da Neiman Marcus, che si concentra maggiormente sullo status e sull'esclusività attraverso il suo programma VIP a più livelli InCircle. Man mano che un membro di InCircle sale di livello, sblocca l'accesso ai servizi di portineria che aiutano i clienti a pianificare vacanze stravaganti o a partecipare a eventi ricercati. I programmi di fidelizzazione efficaci non sono una soluzione valida per tutti, ma un programma attentamente personalizzato può fare miracoli in termini di entrate, coinvolgimento e fidelizzazione. L'evoluzione delle risorse digitali consente ora ai marchi di qualsiasi categoria di offrire ai propri consumatori un'esperienza unica e memorabile.

Imparentato: Comprendere il passaggio sistemico dalla digitalizzazione alla tokenizzazione dei servizi finanziari

I limiti dei programmi fedeltà e premi

Sebbene sia innegabile che i programmi fedeltà e premi siano una componente essenziale della relazione consumatore-marca, hanno i loro limiti. Complessità, mancanza di liquidità e interoperabilità sono alcuni dei principali ostacoli all'espansione dei programmi di fidelizzazione e premi a più clienti. La mancanza di chiarezza sulle regole del programma porta a lasciare molto valore sul tavolo.

Secondo a rapporto pubblicato da Clarus Commerce, il 75% dei consumatori desidera essere ricompensato per l'impegno oltre l'acquisto. Questo da solo segnala la necessità di innovazione e crea un'enorme opportunità per i marchi di rivoluzionare il business della fedeltà.

Quando si tratta di liquidità, l'uso della maggior parte dei punti e dei premi è limitato al rispettivo ecosistema del marchio; i consumatori non possono riscattarli presso un'altra azienda. Marchi alberghieri come Hilton, Hyatt e Marriott consentono ai punti di essere Usato come contanti entro una certa soglia. Tuttavia, questo è consentito solo durante i soggiorni in hotel e, nella maggior parte dei casi, i punti hanno un valore diverso rispetto ai dollari. Per non parlare di problemi come le date di blackout o il numero limitato di camere disponibili per i punti. Poiché questi programmi mancano di interoperabilità, i punti sono intrappolati dietro un giardino recintato, limitando il movimento del valore. Il trasferimento di valore impedito e la mancanza di comunicazione tra programmi determinano un minore coinvolgimento dei clienti e, in alcuni casi, punti annullati.

Se i sistemi a punti assomigliassero più al denaro contante nella loro capacità di essere spesi, avrebbero molto più successo. Nonostante questi diversi gradi di liquidità, ciò che appare chiaro è che i marchi che abbracciano questo cambiamento stanno cercando di attirare l'attenzione dei consumatori introducendo la massima flessibilità possibile nell'uso della valuta dei punti.

Inserisci: stablecoin di marca

Una stablecoin di marca è un asset digitale a prezzo stabile emesso e supportato da specifici, o gruppi di, marchi, imprese o istituzioni. Le stablecoin di marca, che possono essere incorporate direttamente nelle applicazioni rivolte ai consumatori, offrono ai marchi un nuovo modo di connettersi direttamente con i clienti e acquisire informazioni per riconquistare quote di mercato dai concorrenti. Poiché blockchain e criptovaluta rimangono concetti strani per la maggior parte dei consumatori, è essenziale avere un'esperienza senza soluzione di continuità in cui gli utenti potrebbero nemmeno rendersi conto che la tecnologia blockchain sta alimentando il sistema.

Imparentato: Criptovaluta e l'ascesa del marchio generato dagli utenti

Abilitati da una tecnologia di contabilità decentralizzata sicura e trasparente, le stablecoin di marca forniscono informazioni di marketing ai marchi su chi sono i loro più grandi fan. Allo stesso tempo, le stablecoin di marca incentivano e premiano i clienti per la loro fedeltà. I marchi possono memorizzare la cronologia degli acquisti degli utenti sulla blockchain e quindi applicare i risparmi associati ai loro acquisti in futuro. È simile ai punti fedeltà ma meno complicato, più liquido e in definitiva più utile. Altre caratteristiche potrebbero includere la rimozione della necessità di una carta di credito o persino la fornitura di interessi sui risparmi di stablecoin di marca per incentivare i clienti a detenere.

Una rampa più accidentata prima del decollo

Nonostante le stablecoin di marca siano un passo nella giusta direzione, i sistemi di ricompensa tokenizzati sono ancora una forma di centralizzazione. Una terza parte, sotto forma di marchio, banca o entrambi, potrebbe essere presente per raggiungere la stabilità uno a uno, colmando il divario tra finanza tradizionale e criptovaluta. Il vantaggio di questa centralizzazione è che presenta potenzialmente un'esperienza più intuitiva per l'utente, in cui non è necessario scaricare app diverse o abituarsi a un nuovo processo. Tuttavia, i marchi potrebbero trovarsi a dover prendere una decisione difficile tra un'esperienza utente centralizzata e senza attriti o una rampa di accesso decentralizzata e accidentata.

C'è anche la linea di fondo dei marchi da tenere in considerazione: i costi di conio e riscatto possono essere elevati a causa delle costose commissioni del gas. Insieme ai costi operativi, di controllo e di conformità dei marchi e combinato con l'interoperabilità con i sistemi bancari legacy, ciò potrebbe presentare costose barriere all'ingresso. Il incertezza delle regole rende le acque ancora più torbide. I marchi potrebbero dover decidere di accettare una perdita anticipata per benefici futuri ritardati. Queste sono decisioni sfumate e mission-critical che i marchi dovranno prendere.

I consumatori si sentono responsabilizzati e percepiscono un valore maggiore quando ricevono valuta nella loro app invece di ricevere punti. Per molti, i marchi sono un simbolo di identità. Supponiamo che Gucci ti identifichi come ambasciatore e ti lasci i token Gucci come ringraziamento per aver pubblicato post positivi sul marchio sui social media utilizzando il tuo tag pubblico "GucciCoin". Se possiedi una certa quantità di "GucciCoin", potresti avere accesso a una community d'élite, che si tratti di uno spazio fisico (un evento esclusivo, un concerto, uno showroom in negozio, ecc.) o uno online.

Imparentato: Haute Couture diventa NFT: la digitalizzazione alla Paris Fashion Week

Forse hai persino accesso a prodotti avanzati o in edizione limitata che altri non otterrebbero e ricevi un NFT che ti consente di mostrare il tuo stato. Le stablecoin con marchio sono una vittoria per marchi e clienti, consentendo ai consumatori di segnalare il loro supporto mentre i marchi aumentano il coinvolgimento e la fedeltà.

Le stablecoin di marca forniscono un gateway per un futuro interoperabile, liquido e senza attriti. Un giorno, forse non così lontano, un cliente avrà un portafoglio digitale pieno di tutti i suoi marchi preferiti, un ecosistema globale che apre le porte all'adozione di massa.

Questo articolo non contiene consigli o raccomandazioni di investimento. Ogni mossa di investimento e di trading comporta dei rischi e i lettori dovrebbero condurre le proprie ricerche quando prendono una decisione.

I punti di vista, i pensieri e le opinioni qui espressi sono esclusivamente dell'autore e non riflettono o rappresentano necessariamente i punti di vista e le opinioni di Cointelegraph.

Michael Gord è l'amministratore delegato della DigitalBits Foundation e fondatore di GDA Capital. Ha contribuito ad alcuni ecosistemi blockchain, tra cui TRX, LRC e ONT. È stato anche il primo sviluppatore blockchain aziendale presso Toronto-Dominion Bank (TD Bank Group), una delle più grandi banche del Canada.

Imparentato: Comprendere il passaggio sistemico dalla digitalizzazione alla tokenizzazione dei servizi finanziari

Source: https://cointelegraph.com/news/brands-must-tokenize-their-loyalty-and-rewards-programs

Cointelegraph

Lo Sri Lanka nomina un comitato per implementare il mining di criptovalute e blockchain

Il comitato dello Sri Lanka riferirà i suoi risultati relativi alle criptovalute e alla blockchain al Gabinetto degli Atti, delle Norme e dei Regolamenti….

Published

on

Il comitato intende proporre un quadro adeguato per lo Sri Lanka dopo aver studiato le normative seguite dai mercati internazionali.

586 visualizzazioni totali

11 Azioni totali

Lo Sri Lanka nomina un comitato per implementare il mining di criptovalute e blockchain

Lo Sri Lanka si unisce all'iniziativa globale per l'adozione delle criptovalute dopo aver istituito un comitato per l'esplorazione e l'implementazione delle tecnologie blockchain e di mining di criptovalute.

Una lettera condivisa l'8 ottobre dal direttore generale delle informazioni governative dello Sri Lanka, Mohan Samaranayake, mostra che le autorità hanno approvato una recente proposta che mira ad attirare investimenti nelle iniziative blockchain e criptovaluta del paese.

Secondo Samaranayake, le autorità dello Sri Lanka hanno identificato la necessità di sviluppare "un sistema integrato di digital banking, blockchain e tecnologia di mining di criptovalute" come mezzo per rimanere alla pari con i partner globali e i mercati internazionali. Lui aggiunto:

"Questo comitato avrà il compito di studiare i regolamenti e le iniziative di altri paesi come Dubai, Malesia, Filippine, UE e Singapore, ecc., e proporre un quadro adeguato per lo Sri Lanka".

La proposta è stata avanzata da Namal Rajapaksa, ministro del coordinamento e del monitoraggio dei progetti, che richiede al comitato di riferire i risultati relativi alle criptovalute e alla blockchain al Gabinetto degli atti, delle norme e dei regolamenti.

Degli otto membri del comitato, due membri rappresentano giganti fintech internazionali tra cui Sandun Hapugoda di Mastercard e Sujeewa Mudalige di PricewaterhouseCoopers (PwC). I membri della finanza tradizionale includono l'amministratore delegato della Borsa di Colombo Rajeeva Bandaranaike e il direttore della Banca centrale dello Sri Lanka Dharmasri Kumarathunge.

I restanti quattro membri rappresentano varie autorità nazionali, tra cui il Team di preparazione alle emergenze informatiche dello Sri Lanka (SLCERT), il Dipartimento dell'informazione del governo, l'Agenzia per le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICTA) e il Consiglio del Presidente.

Sostenendo questa iniziativa, il comitato monitorerà anche leggi e regolamenti implementati da altre nazioni per stabilire regole contro il riciclaggio di denaro (AML), il finanziamento del terrorismo e le attività criminali.

Imparentato: Le transazioni crittografiche aumentano del 706% in Asia man mano che cresce l'adozione istituzionale – Chainalysis

Un recente rapporto di Cointelegraph ha evidenziato un aumento del 706% in Asia centrale e meridionale e in Oceania tra luglio 2020 e giugno 2021. Sulla base dei dati condivisi da Chainalysis, il valore delle transazioni nella regione è stato del 14% ($ 572,5 miliardi), con l'India che rappresenta il valore di transazione globale più alto.

Ad aprile, la banca centrale dello Sri Lanka ha emesso a avviso pubblico contro i rischi associati alla criptovaluta investimenti, adducendo la mancanza di ricorso legale o regolamentare. Tuttavia, appena un mese dopo l'avviso, la banca centrale ha selezionato tre banche per lo sviluppo di un proof-of-concept per un struttura condivisa Conosci il tuo cliente utilizzando blockchain.

Imparentato: Le transazioni crittografiche aumentano del 706% in Asia man mano che cresce l'adozione istituzionale – Chainalysis

Source: https://cointelegraph.com/news/sri-lanka-appoints-committee-to-implement-crypto-mining-and-blockchain

Continue Reading

Cointelegraph

Crypto e fondi pensione: come petrolio e acqua, o forse no?

I fondi pensione, i più cauti tra gli investitori istituzionali, stanno ora dando uno sguardo più da vicino al fiorente settore delle criptovalute e della blockchain….

Published

on

Ci sono buone ragioni per cui i fondi pensione non dovrebbero investire nello spazio cripto e blockchain. L'industria è troppo nuova, troppo volatile e tecnicamente ridicola. Inoltre, devono ancora essere definite le regole e le regole per governare il settore.

Ma gli strumenti finanziari a reddito fisso che i fondi pensione in genere favoriscono, come i titoli di stato a lungo termine, pagano a malapena al giorno d'oggi, quindi i tradizionali custodi dei fondi pensione dei dipendenti hanno un dilemma: dove trovare il rendimento degli investimenti in un mondo in cui l'inflazione è incombente?

Potrebbe non essere del tutto sorprendente, quindi, che i fondi pensione, i più cauti tra gli investitori istituzionali, stiano ora dando uno sguardo più da vicino al fiorente settore delle criptovalute/blockchain.

"Gli uffici familiari hanno guidato la carica nei fondi crittografici diversi anni fa, ma abbiamo visto un crescente interesse da parte delle pensioni e ci sono molte pensioni che ora hanno un'esposizione alle criptovalute", Stephen McKeon, professore di finanza presso l'Università dell'Oregon e partner a Collab+Currency, ha detto a Cointelegraph.

"Abbiamo assistito a un aumento dell'interesse da parte delle pensioni" nell'ultimo anno, ha aggiunto Christine Sandler, responsabile delle vendite, del marketing e della ricerca presso Fidelity Digital Assets – parte di un aumento tra tutti i segmenti istituzionali – "che riteniamo rifletta la crescente raffinatezza e istituzionalizzazione dell'ecosistema delle risorse digitali, combinato con una forte narrativa macro guidata dalla risposta alla pandemia".

I fondi pensione tendono ad essere "investitori più conservatori e avversi al rischio rispetto ad altri segmenti", secondo Sandler, e favoriscono principalmente gli investimenti che hanno mostrato una crescita a lungo termine e una bassa volatilità, il che potrebbe probabilmente renderli diffidenti nei confronti della cripto/blockchain spazio.

Uno dei primi ad adottare

Uno dei primi fondi pensione con sede negli Stati Uniti a investire in società blockchain è stato il Fairfax County Police Officers Retirement System, con sede a Fairfax, in Virginia. Ha testato le acque nel 2018 con un'allocazione dello 0,5% in un fondo che stava investendo in imprese legate alla blockchain, ha detto a Cointelegraph Katherine Molnar, chief investment officer del fondo, alla recente conferenza SALT a New York City.

Il fondo ha aumentato la sua allocazione all'1% nel 2019 e nella primavera del 2021 ha aggiunto due nuovi fondi di investimento legati alla blockchain. L'attuale allocazione target è del 2%, ma poiché le società cripto e basate su criptovalute sono aumentate di valore, il 7% del patrimonio complessivo del fondo è ora correlato alle criptovalute, di nuovo, per lo più imprese di tipo "pick-and-shovel" che supportano il settore – come gli scambi di criptovalute e i custodi.

Il fondo pensione non si può riequilibrare perché investito in fondi di venture capital, ha spiegato Molnar, ma a metà settembre Fairfax segnalato la sua intenzione di investire 50 milioni di dollari con Parataxis Capital, un hedge fund di criptovalute che investe in token digitali e derivati ​​di criptovaluta. "Non è una scommessa direzionale, ma non è nemmeno totalmente illiquida", ha detto a Cointelegraph.

Il fatto che il fondo pensione degli agenti di polizia abbia investito fino a poco tempo fa in società legate alle criptovalute anziché in criptovalute – Coinbase piuttosto che, ad esempio, Bitcoin (BTC) – non è nemmeno raro. Gli investitori istituzionali statunitensi intervistati da Fidelity Digital hanno indicato una maggiore propensione per i prodotti di investimento in asset digitali piuttosto che la proprietà diretta di criptovalute, ha detto Sandler a Cointelegraph, aggiungendo:

“Dal nostro studio sappiamo anche che i fondi pensione e i piani a benefici definiti, come molti altri segmenti di investitori istituzionali intervistati, favoriscono la gestione attiva di un prodotto di investimento contenente asset digitali”.

Ora più fondi pensione possono percorrere questa strada. "Abbiamo iniziato a vedere la partecipazione non solo dal segmento degli hedge fund, da cui vediamo da tempo la partecipazione, ma ora anche da altre istituzioni, pensioni e dotazioni", Michael Sonnenshein, CEO di Grayscale Investments, il più grande gestore di risorse digitali — detto Bloomberg all'inizio di quest'anno, aggiungendo di aver anticipato che i fondi pensione e le dotazioni avrebbero guidato gran parte della crescita futura della sua società di investimento.

Persino i giganti dei fondi pensione come il California Public Employees Retirement System (CalPERS) hanno fatto un tuffo nel mare delle criptovalute/blockchain. CalPERS investito nella società mineraria di Bitcoin Riot Blockchain LLC alcuni anni fa e da allora ha aumentato la partecipazione a circa 113.000 azioni – per un valore di circa $ 3 milioni all'inizio di ottobre – anche se questo è minuscolo rispetto ai $ 133,3 miliardi di CalPERS in asset azionari in gestione, a partire dal suo deposito 13F in agosto.

Quanto è sufficiente?

Che tipo di allocazione crittografica è appropriata per un fondo pensione oggi? Jim Kyung-Soo Liew, assistente professore presso la Carey Business School della Johns Hopkins University, è stato coautore di uno dei primi documenti accademici su criptovalute e fondi pensione nel 2017. Che carta ha scoperto che un'allocazione dell'1,3% di Bitcoin sarebbe "ottimale" per sfruttare appieno il vantaggio di diversificazione della criptovaluta.

Cosa è appropriato oggi? "In futuro, un investitore istituzionale dovrebbe guardare a un'allocazione del 10%-20%", ha detto Liew a Cointelegraph, e si aspetta che i grandi fondi pensione investiranno fino a un quinto del loro patrimonio totale nello spazio cripto / blockchain all'interno i prossimi tre-cinque anni.

Il 98% dei conti pensionistici negli Stati Uniti non può accedere #Bitcoin.

Sono $ 36,800.000.000.000.

Cosa succede quando lo fanno?

— Dan Held (@danheld) 7 ottobre 2021

"Vedremo più investitori istituzionali", ha detto Liew, aggiungendo: "I loro orizzonti sono lunghi". I $ 2 trilioni di oggi nella capitalizzazione di mercato delle criptovalute potrebbero aumentare a $ 20 trilioni nei prossimi tre-cinque anni, ha aggiunto, ipotizzando un contesto normativo favorevole.

Alla domanda se ciò non contrasti con il tradizionale conservatorismo dei fondi pensione, Liew ha risposto: “I fondi pensione hanno consigli di amministrazione; hanno comitati di investimento" e sì, "sono spesso accusati di essere eccessivamente conservatori e di voler capire le cose al 100% prima di agire".

Dal punto di vista dell'istruzione, ci vorrà del tempo e degli sforzi per portarli con sé, ma i chief investment officer sono piuttosto intelligenti come gruppo e saranno in grado di afferrare i concetti, ha affermato Liew. Un problema, ha ammesso, "Non vengono ricompensati per l'assunzione di rischi".

Gli ostacoli rimangono

Potrebbero esserci altri impedimenti. "Una sfida è che le pensioni tendono a richiedere biglietti di grandi dimensioni", ha detto McKeon a Cointelegraph, "quindi lo spazio ha dovuto maturare un po' per accettare quella quantità di capitale. Man mano che i fondi continuano ad aumentare, ci aspettiamo di vedere una maggiore partecipazione delle pensioni”. La volatilità rimane una preoccupazione, ha affermato Sandler, indicando dati:

"Lo studio 2021 Institutional Investor Digital Assets Study" ha rilevato che il 73% dei fondi pensione, dei piani a benefici definiti, delle donazioni e delle fondazioni statunitensi intervistati ha citato la volatilità come il principale ostacolo all'adozione".

Secondo il sondaggio, i fondi pensione e i piani a benefici definiti statunitensi hanno ancora una visione abbastanza negativa degli asset digitali, “ma penso che continueremo a vedere questa percezione negativa diminuire man mano che il mercato continua a maturare e questi investitori si sentiranno più a proprio agio con il tecnologia, infrastrutture e canali per l'esposizione e avere una tesi di investimento più sviluppata su questi beni", ha aggiunto.

Pertanto, i fondi pensione, come altri investitori istituzionali, stanno cercando di trovare opportunità di investimento. Come il New York Times notato, "NOI. I buoni del tesoro sono stati i titoli di scelta per un reddito da pensione sicuro. Ma non potrebbero fornire alcun ritorno reale per il prossimo decennio”.

Imparentato: Il lungo gioco: l'interesse istituzionale per le criptovalute è appena iniziato

Nel frattempo, dal lato positivo, i fondi pensione hanno orizzonti lunghi e possono resistere alla volatilità a breve termine. Un altro vantaggio: "Il talento cripto è distribuito uniformemente in tutto il mondo e possiamo procurarci quel talento", ha aggiunto Liew.

I vincoli fiduciari non scompariranno, ovviamente. Molti fondi pensione rappresentano i comuni e tengono nelle loro mani il benessere finanziario di molte persone in età avanzata. È una grande responsabilità. Ma "non puoi ottenere una tonnellata di ricompensa se non corri qualche rischio", ha detto Liew.

Qualche tempo fa, il presidente del consiglio di amministrazione di Molnar ha detto: "Capisco la necessità di farlo" – il fondo pensione degli agenti di polizia, come la maggior parte degli investitori istituzionali, stava lottando per far crescere i suoi soldi in un contesto di continui bassi tassi di interesse – ma alcuni ufficiali "sono fuori dalla riserva", ha affermato. Con il recente tasso di rendimento del 7,25% del fondo sui suoi investimenti in criptovalute, è probabilmente lecito ritenere che alcuni di quegli ufficiali siano tornati nella prenotazione ora.

I fondi pensione tendono ad essere "investitori più conservatori e avversi al rischio rispetto ad altri segmenti", secondo Sandler, e favoriscono principalmente gli investimenti che hanno mostrato una crescita a lungo termine e una bassa volatilità, il che potrebbe probabilmente renderli diffidenti nei confronti della cripto/blockchain spazio.

Source: https://cointelegraph.com/news/crypto-and-pension-funds-like-oil-and-water-or-maybe-not

Continue Reading

Cointelegraph

3 segnali di avvertimento suggeriscono che il rally dei prezzi di Bitcoin è sovraesteso

L'"estrema avidità" dei trader di Bitcoin minaccia di svelare l'ultima impennata dei prezzi di BTC….

Published

on

Giovedì è una classica configurazione di euforia sui mercati di Bitcoin, poiché i trader lanciano BTC lunghi in numeri sempre più grandi.

11098 Visualizzazioni totali

67 Totale azioni

3 segnali di avvertimento suggeriscono che il rally dei prezzi di Bitcoin è sovraesteso

Bitcoin (BTC) ha affrontato nuovi dubbi sulla forza della sua corsa rialzista il 7 ottobre, poiché gli analisti hanno osservato una potenziale inversione della breve compressione di mercoledì.

Grafico a candela di 1 ora BTC/USD (Bitstamp). Fonte: TradingViewTassi di finanziamento nella zona rossa

Dati da Cointelegraph Mercati Pro e TradingView ha monitorato BTC/USD mentre si aggirava vicino a $ 54.000 dopo non essere riuscito a stabilire un supporto al segno di $ 55.000.

Il giorno precedente aveva visto un'impennata improvvisa ai massimi di $ 55.700 per Bitcoin, che è stata accompagnata da una forte pressione di acquisto.

Tuttavia, poiché i tassi di finanziamento sono positivi tra le borse, giovedì le preoccupazioni si sono concentrate su quella che potrebbe finire per essere una mossa opposta al ribasso.

I tassi di finanziamento che diventano eccessivamente positivi suggeriscono che il mercato si aspetta un ulteriore rialzo e che il valore significativo è lungo BTC. In tali circostanze, uno scioglimento di massa delle posizioni potrebbe accelerare e intensificare un movimento al ribasso, se dovesse iniziare.

Tassi di finanziamento Bitcoin vs grafico BTC/USD. Fonte: Bybt

L'umore tra gli investitori è stato ripreso dai dati sul sentiment, con il Indice Cripto Paura e Avidità raggiungendo 76/100 il giorno, che rappresenta "l'avidità estrema".

"Gli investitori sono estremamente avidi nei confronti di BTC in questo momento", trader e analista Rekt Capital avvertito.

Indice Crypto Fear & Greed a partire dal 7 ottobre. Fonte: Alternative.mePreparing per la presa di profitto

Mentre a un certo punto è inferiore a $ 10.000 dai massimi storici, Bitcoin affronta anche livelli di resistenza significativi a $ 58.000, $ 60.000 e altri sulla strada per tornare alla scoperta dei prezzi.

Imparentato: Picco di prezzo: le balene sono in prima linea nell'approvazione di un ETF sui future su Bitcoin?

Come Cointelegraph segnalato, ottobre dovrebbe chiudere appena sotto i massimi, mentre novembre potrebbe vedere un ritorno a livelli più bassi prima che un finale di dicembre annulli i record attuali.

Tuttavia, i partecipanti al mercato di lunga data stanno già consigliando una strategia di uscita questa settimana, tra cui John Bollinger, creatore del popolare indicatore di trading Bollinger Bands.

Secondo obiettivo raggiunto, $BTCUSD. UpperBB in espansione con il rally. Mantieni attivo un trailing stop come BBstop o Chandelier. Tutto chiaro per ora, ma iniziando a cercare segnali di cima/uscita. Sono fuori per un paio di settimane di viaggio. Buon commercio! #Bitcoin

— John Bollinger (@bbands) 5 ottobre 2021

Le bande di Bollinger tracciano la volatilità al rialzo e al ribasso di un asset e attualmente suggeriscono che dovrebbero prevalere condizioni più calme. Quando le bande si restringono, tuttavia, segue la volatilità.

Grafico a candela 1 giorno BTC/USD (Bitstamp) con bande di Bollinger. Fonte: TradingView

Gli Altcoin, nel frattempo, non dovrebbero fornire guadagni di ciclo definitivi fino al prossimo anno.

I tassi di finanziamento che diventano eccessivamente positivi suggeriscono che il mercato si aspetta un ulteriore rialzo e che un valore significativo è lungo BTC. In tali circostanze, uno scioglimento di massa delle posizioni potrebbe accelerare e intensificare un movimento al ribasso, se dovesse iniziare.

Source: https://cointelegraph.com/news/3-warning-signs-suggest-the-bitcoin-price-rally-is-overextended

Continue Reading

Trending