Connect with us

Cannabis

Laureando in marijuana? Questo presto potrebbe essere comune mentre le università si adattano a un settore in crescita.

L'UC Riverside è la prima università pubblica della California a offrire corsi di cannabis a credito attraverso il suo programma di estensione, con altri college che cercano di seguirne l'esempio….

Published

on

Vuoi esperienza pratica nella coltivazione della marijuana, ma non hai idea di come ottenere una pianta? O semplicemente non sei a tuo agio a coltivare cannabis a casa?

Prova l'ortica, che è una pianta lontanamente imparentata con la cannabis e ha modelli di crescita simili.

Questa è solo una delle tante soluzioni alternative che Dana Milstein ha dovuto imparare mentre sviluppava il curriculum per il nuovo programma di estensione della UC Riverside incentrato sulla cannabis, che è il primo programma del suo genere in un'università pubblica in California.

Solo quattro anni fa, agli studenti laureati delle università della California meridionale veniva detto che non potevano fare progetti di ricerca relativi alla cannabis perché gli amministratori erano preoccupati che qualsiasi collegamento al campo potesse danneggiare i finanziamenti federali della scuola e la sua reputazione. Oggi, UC Los Angeles, UC San Diego e UC Irvine hanno tutti centri di ricerca sulla cannabis dedicati.

Tuttavia, non è ancora comune per le università offrire anche corsi di estensione relativi alla cannabis. Ed è ancora meno comune per le università dare crediti per tali classi, come sta facendo l'UC Riverside.

Ma le cifre cambieranno. Oggi, l'industria della cannabis della nazione supporta circa 250.000 posti di lavoro a tempo pieno, secondo a Rapporto 2020 dal gruppo industriale Leafly. Ciò significa che la cannabis ricreativa è legale in 15 stati e la cannabis medicinale legale in 34 stati. Dato che i Democratici attualmente controllano il Congresso e la Casa Bianca, c'è una reale possibilità che la cannabis possa presto essere depenalizzata o addirittura legalizzata a livello federale – una mossa che amplierebbe drasticamente il denaro e i posti di lavoro che fluiscono nell'industria.

Alla fine del 2019, queste tendenze hanno spinto Eric Latham, direttore dello sviluppo del programma per il programma di estensione dell'UC Riverside, a considerare l'aggiunta di corsi sulla cannabis al catalogo della scuola come un modo per aiutare i residenti della zona a trovare lavori locali ben pagati.

"Con la legalizzazione della cannabis, sembrava proprio un'opportunità in cui il nostro programma potrebbe adattarsi a un bisogno che le persone potrebbero avere", ha detto Latham.

Sviluppo del programma

L'idea non era difficile da vendere agli amministratori di UC Riverside. Latham ha detto che i dirigenti scolastici hanno visto lo stesso potenziale che ha visto lui. E non importa come le persone si sentano riguardo alla cannabis, ha detto che la realtà che si tratta di un settore in rapida crescita significa "è nell'interesse di tutti che abbiamo persone ben formate, che capiscono come funziona un'azienda".

Una manciata di università al di fuori della California offrono corsi di laurea che toccano la cannabis. Dal 2017 la Northern Michigan University offre una laurea in Chimica delle piante medicinali che include la discussione sulla cannabis. Il programma è passato da 10 studenti nel primo anno a 325 studenti quest'anno, secondo il portavoce dell'università Derek Hall.

Alcune altre scuole pubbliche offrono ai minori studi sulla cannabis. Inoltre, alcune scuole private in California hanno corsi di cannabis e gruppi industriali offrono una formazione.

Ma quando Latham ha iniziato a studiare i corsi sulla cannabis, ha detto di non aver trovato alcun esempio di un'università pubblica che offrisse formazione continua orientata alla cannabis, che sono in genere lezioni senza credito rivolte a professionisti che desiderano nuove competenze per aiutare a progredire o fare un perno le loro carriere.

Dato che cos'è un campo di cannabis specializzato e in rapida evoluzione, e con pochi accademici che avevano esperienza nella cannabis, Latham ha rapidamente determinato che sarebbe stata una sfida per l'università creare il proprio programma da zero. Così, l'anno scorso, la UC Riverside è diventata la terza università del paese e la prima in California a collaborare con la società privata Green Flower per sviluppare e insegnare i suoi corsi di cannabis.

Lo sviluppatore veterano del curriculum Milstein, 45 anni, di Newport Beach non aveva alcuna esperienza lavorativa relativa alla cannabis quando Green Flower tre anni fa le chiese di contribuire a creare un rigoroso programma sulla cannabis per le università che avrebbe resistito alla revisione dell'accreditamento. Ma ha avuto un'esperienza personale che ha reso l'idea attraente.

Proprio nel periodo in cui Green Flower l'ha contattata, Milstein aveva iniziato a usare il CBD, un composto non psicoattivo presente nella cannabis, per aiutare a trattare le difficoltà sociali e linguistiche del figlio autistico. La sua esperienza nella ricerca dei bisogni di suo figlio l'ha resa disponibile ad aiutare l'industria della cannabis a svilupparsi in modo ponderato e diventare più credibile per il grande pubblico. Così ha iniziato a lavorare alla creazione del programma educativo che, da agosto, è stato utilizzato alla UC Riverside.

Gli studenti possono scegliere tra quattro corsi di sei mesi incentrati su affari, agricoltura, salute o leggi e politiche sulla cannabis. Tutti i programmi includono un corso accelerato sulla storia, la scienza e lo status giuridico della cannabis, inclusa un'unità sulla giustizia sociale. E costano $ 2.950 ciascuno.

Il programma è interamente online e gli studenti sono in grado di svolgere gran parte del lavoro al proprio ritmo. Guardano video, eseguono letture obbligatorie, rispondono a quiz online e completano progetti pratici che creano un'abilità di cui avranno bisogno per lavorare in quel settore. Gli studenti del corso di agricoltura, ad esempio, progettano spazi di coltivazione e coltivano la propria pianta di cannabis (o l'ortica, se la marijuana non è un'opzione). Nella classe di assistenza sanitaria, gli studenti creano profili di pazienti fittizi; negli affari, descrivono la potenziale catena di fornitura della loro finta azienda.

Nove università hanno ora collaborato con Green Flower, con sede a Ventura, secondo Daniel Kalef, vice presidente dell'istruzione superiore dell'azienda. L'Università di San Diego è stata la seconda scuola della California a salire a bordo. E questo mese, ha detto Kalef, la UC Riverside è stata la prima a offrire crediti universitari per il programma.

Diversi studenti si iscrivono

Finora settantacinque studenti si sono iscritti al programma della UC Riverside. Latham ha detto che il corpo studentesco è diviso equamente tra uomini e donne. Mentre la maggior parte degli studenti ha un'età compresa tra i 25 ei 40 anni, una parte sana – il 13% – è più vecchia. Circa il 90% proviene dalla California e la maggior parte di loro proviene dalle contee di Riverside, San Bernardino, Los Angeles e Orange.

Molti studenti che frequentavano quei corsi non volevano essere identificati, dicendo di temere ancora che qualsiasi legame con la cannabis – che rimane illegale a livello federale – potesse portare uno stigma se scegliessero di lavorare in un campo diverso.

Una studentessa disposta a parlare è Lily Lopez di San Bernardino, che lavora a tempo pieno come tecnico di lavorazione sterile in un ospedale comunitario. La trentacinquenne ha affermato che la cannabis fa parte della sua famiglia da generazioni e crede che abbia il potenziale per aiutare le persone ad affrontare una varietà di problemi fisici, mentali e spirituali. Quindi si è iscritta al programma di estensione della cannabis della UC Riverside per ottenere le basi di cui ha bisogno per sperare un giorno di avviare la propria attività di coltivazione che rappresenta le latine nel settore.

Lily Lopez, in piedi di fronte alla sua casa a San Bernardino sabato 30 gennaio 2021, fa parte del primo gruppo di studenti a prendere lezioni attraverso il programma di estensione dell'UC Riverside sull'industria della cannabis. Lopez spera di avere un'attività che coltiva cannabis per aiutare le persone con la guarigione mentale, fisica e spirituale. (Foto di Mark Rightmire, Orange County Register / SCNG)

"Non ho visto niente di simile", ha detto Lopez, che ha completato il programma aziendale e poi vuole iscriversi al percorso agricolo. "Voglio prendere queste informazioni che ho imparato e usarle davvero con uno scopo per aiutare il resto di questo mondo."

Finora, il corso in agricoltura sta suscitando il maggior interesse, con quasi la metà di tutti gli studenti che si iscrivono a quel programma. Un terzo ha intrapreso la strada degli affari, mentre il 10% si concentra sull'assistenza sanitaria e il 7% sulla legge e le politiche sulla cannabis.

Per Gerald Brown di Fontana, che lavora come analista di sviluppo aziendale nel campo sanitario, la sua unica esperienza nel settore della cannabis è stata quella di investitore. Ha comprato il suo primo stock di cannabis circa cinque anni fa, e sebbene abbia detto di aver perso denaro su quello, ha detto che altri due hanno dato i loro frutti.

Brown aveva seguito un corso di estensione della UC sulla raccolta di fondi quasi 20 anni fa e l'esperienza è piaciuta. Quindi, quando ha visto la UC Riverside offrire un programma commerciale sulla cannabis, il sessantenne è stato uno dei primi ad iscriversi.

Considera il corso un buon investimento, con raccoglitori pieni di informazioni che terrà a portata di mano. E se si presentasse l'occasione giusta, Brown ha detto che prenderebbe in considerazione l'idea di lavorare come analista finanziario per una compagnia di cannabis, con particolare interesse per come la pianta potrebbe aiutare ad alleviare la crisi degli oppioidi.

Le sfide rimangono

Un ostacolo per portare corsi di cannabis nelle università è finanziario. Gli aiuti federali, per ora, potrebbero non essere disponibili per gli studenti perché la marijuana rimane illegale a livello federale.

Questo non è stato un problema per l'UC Riverside, dal momento che il programma di estensione è autofinanziato, con gli studenti che pagano i corsi di tasca propria.

Altre scuole che offrono lezioni di cannabis hanno trovato soluzioni alternative diverse.

Alla Colorado State University Pueblo, che offre un corso di laurea in chimica di biologia della cannabis accreditato, la portavoce dell'università Haley Sue Robinson ha detto che gli studenti lavorano solo con la canapa industriale, un tipo di cannabis che non ha effetti di alterazione della mente ed è legale secondo la legge federale .

Gli studenti del programma di chimica vegetale della Northern Michigan University lavorano solo con tracce di cannabis in laboratorio, che secondo Hall non rappresentano un problema per gli aiuti federali o i finanziamenti. La Northern Michigan University non è stata in grado di organizzare stage con le compagnie di cannabis, tuttavia, a causa dello stato federale della marijuana.

Poiché il programma di estensione della UC Riverside non è finanziato a livello federale, Milstein ha affermato che i tirocini sulla cannabis non dovrebbero essere un problema. Ma alcuni dei piani della scuola – per programmi di stage e tirocinio – sono stati sospesi a causa della pandemia di coronavirus.

Nel frattempo, Kalef ha detto che più università stanno guardando i programmi Green Flower. L'azienda sta anche cercando di aggiungere nuove tracce, come un focus sulla giustizia penale, poiché l'interesse per l'istruzione superiore sulla cannabis continua a crescere.

Il prossimo programma di estensione della cannabis della UC Riverside inizierà il 1 ° marzo, con l'iscrizione in corso ora.

Ma le cifre cambieranno. Oggi, l'industria della cannabis della nazione supporta circa 250.000 posti di lavoro a tempo pieno, secondo a Rapporto 2020 dal gruppo industriale Leafly. Questo è con cannabis ricreativa legale in 15 stati e cannabis medicinale legale in 34 stati. Dato che i Democratici attualmente controllano il Congresso e la Casa Bianca, c'è una reale possibilità che la cannabis possa presto essere depenalizzata o addirittura legalizzata a livello federale, una mossa che amplierebbe drasticamente il denaro e i posti di lavoro che fluiscono nell'industria.

Source: https://www.mercurynews.com/2021/02/01/majoring-in-marijuana-that-soon-could-be-common-as-universities-adapt-to-a-growth-industry/

Cannabis

Khiron Life Sciences rivela un picco del 47% QoQ delle entrate mediche, le entrate della cannabis nel secondo trimestre del 2021 aumentano del 68% su base annua

Azienda di cannabis verticalmente integrata Khiron Life Sciences Corp. (TSXV:…

Published

on

Azienda di cannabis verticalmente integrata Khiron Life Sciences Corp. (TSXV:KHRN) (OTCQX:KHRNF) ha annunciato i suoi ultimi risultati finanziari lunedì, rivelando un aumento del 68% anno su anno delle entrate a $ 2,8 milioni (CA $ 2,18 milioni) nel secondo trimestre del 2021. Le azioni sono aumentate dell'1,96% a $ 0,2499 per azione nel dopo- ore di sessione.

L'aumento delle entrate durante il trimestre conclusosi il 30 giugno può essere principalmente attribuito alle operazioni cliniche normalizzate e alla crescita delle vendite di cannabis medica in Colombia, Germania, Regno Unito

e Perù contribuendo al margine di profitto lordo della cannabis medica dell'88%.

Principali dati finanziari del secondo trimestre 2021

  • I ricavi dei servizi sanitari sono diminuiti del 13%, mentre i ricavi della cannabis medica hanno raggiunto $ 825.500, con un aumento sequenziale del 47%.
  • I prodotti a base di cannabis medica hanno contribuito al 29% dei ricavi totali e al 70% dei profitti lordi.
  • Crescita delle vendite di cannabis medica in Europa del 280% che rappresenta in sequenza oltre il 25% dei ricavi totali della cannabis medica.
  • L'utile lordo, prima delle rettifiche al fair value, è stato di circa CA$ 1,05 milioni, in aumento rispetto a 319.000 rispetto al periodo dell'anno precedente.
  • I costi generali e amministrativi sono stati di 4,43 milioni di dollari canadesi, in calo rispetto a 4,53 milioni di dollari canadesi nello stesso trimestre del 2020 e 5,6 milioni di dollari canadesi nel periodo precedente.
  • La perdita netta è stata di circa 4,8 milioni di dollari canadesi, con un miglioramento rispetto a 5,71 milioni di dollari canadesi nel secondo trimestre dello scorso anno e 5,5 milioni di dollari canadesi nel trimestre precedente.
  • L'EBITDA rettificato è stato negativo per 3,85 milioni di dollari canadesi, contro una perdita di 4,02 milioni di dollari canadesi nel primo trimestre dell'anno fiscale 2021.
  • Al 30 giugno, la società aveva CA $ 9,4 milioni in contanti e un saldo di cassa proforma di CA $ 20,6 milioni.

"Con i ricavi in ​​aumento in tutti i mercati, il nostro segmento della cannabis medica ha contribuito per il 29% dei ricavi e il 70% dei profitti lordi, dimostrando come la nostra attività di cannabis medica possa cambiare radicalmente i profili dei margini con l'aumento dei ricavi", ha commentato Alvaro Torres, CEO e direttore di Khiron. "Nel secondo trimestre e successivamente, abbiamo raggiunto una serie di traguardi molto significativi".

Altre notizie da Khiron Life Sciences:

Cannabis Co. Khiron: le azioni si tuffano sui talloni dell'offerta di $ 12,4 milioni di unità dell'azienda

Khiron Cannabis Co debutta a sud del confine, ottiene quote di esportazione di estratti ad alto contenuto di THC per il Messico

Khiron stabilisce una pietra miliare come prima azienda colombiana di cannabis medica ad esportare in Europa

Khiron Life Sciences conferma la prima spedizione di cannabis dalla Colombia all'Europa

Foto: per gentile concessione di Kimzy Nanney Su Unsplash

© 2021 Benzinga.com. Benzinga non fornisce consulenza in materia di investimenti. Tutti i diritti riservati.

  • I ricavi dei servizi sanitari sono diminuiti del 13%, mentre i ricavi della cannabis medica hanno raggiunto $ 825.500, con un aumento sequenziale del 47%.
  • Source: https://www.benzinga.com/markets/cannabis/21/08/22614645/khiron-life-sciences-reveals-47-qoq-spike-in-medical-revenue-q2-2021-cannabis-revenue-increases-

    Continue Reading

    Cannabis

    Cannabis News Today – 20 agosto 2021 – Caraibi e America Latina Daily News – Notizie America

    La leggenda del rap Wu-Tang Method Man sta portando il suo marchio di cannabis a New York. (Foto di Johnny Nunez/WireImage) Notizie Americhe, NEW YORK, NY, ven. 20 agosto…

    Published

    on

    La leggenda del rap Wu-Tang Method Man sta portando il suo marchio di cannabis a New York. (Foto di Johnny Nunez/WireImage)

    Notizie Americhe, NEW YORK, NY, ven. 20 agosto 2021: Ecco i titoli sulla cannabis che fanno notizia sulla marijuana a livello globale e nei Caraibi e in America Latina per oggi, 20 agosto 2021 in 60 secondi:

    La leggenda del rap Wu-Tang Method Man sta portando il suo marchio di cannabis a New York. TICAL — coniato dopo il titolo del suo primo album solista, sta per Taking into Consideration All Lives e sarà disponibile per l'acquisto come parte del mercato legalizzato per adulti di New York.

    Il blogger famoso e personalità dei media Perez Hilton e i principali ricercatori CBD basati sulla canapa hanno stretto una partnership commerciale a sostegno di My True 10, una linea di CBD Gummies disponibile su mytrue10.com.

    Akerna si è assicurata una partnership esclusiva con la Medicinal Cannabis Authority (MCA) a Saint Vincent e Grenadine per fornire all'MCA uno strumento di gestione delle relazioni con i clienti appositamente sviluppato progettato per rafforzare l'industria della cannabis medicinale aderendo contemporaneamente alle esigenze normative e creando un utente- esperienza amichevole.

    I regolatori del New Jersey hanno finalmente approvato le regole per il mercato della marijuana per uso adulto quasi un anno dopo il voto di legalizzazione.

    La pop star svedese Tove Lo ha stretto una partnership con Cann per il lancio

    Per saperne di più

    Source: https://fldispensaries.com/cannabis-news-today-august-20-2021-caribbean-and-latin-america-daily-news-news-americas/

    Continue Reading

    Cannabis

    Conclusioni dalla nostra conversazione sulla responsabilità del prodotto della cannabis che vale la pena guardare

    Se chiedi a qualsiasi professionista assicurativo o gestore del rischio di elencare le principali esposizioni per un'azienda, è probabile che venga citato in giudizio. E se tu…

    Published

    on

    Se chiedi a qualsiasi professionista assicurativo o gestore del rischio di elencare le principali esposizioni per un'azienda, è probabile che venga citato in giudizio. E se si riducesse questo in un altro elenco, tra i maggiori rischi derivanti da azioni legali per il business della cannabis, ci sarebbero azioni legali per responsabilità del prodotto e copertura difettosa.

    Nel nostro ultimo podcast, abbiamo parlato con due importanti avvocati assicurativi di schieramenti opposti, uno che rappresenta le imprese e uno che rappresenta i vettori, per discutere di cause legali in materia di copertura difettosa.

    Di seguito sono riportati brevi spunti di quella conversazione.

    Michael Sampson

    "Ci sono avvocati di querelanti là fuori che stanno attivamente trollando per casi che coinvolgono lesioni presumibilmente causate dalla cannabis", ha detto Michael Sampson, partner di Leech Tishman e membro del Litigation Practice Group dell'azienda. “Stiamo vedendo che i casi iniziano ad essere archiviati. Abbiamo visto una serie di casi di lesioni relativi allo svapo archiviati. Ma è ancora presto e non abbiamo ancora visto molte decisioni segnalate dai tribunali, che ci diano un'idea di come i tribunali reagiranno a queste cause per responsabilità da prodotto, per non parlare delle azioni di copertura.

    Sampson guida anche il gruppo di copertura assicurativa dell'azienda e co-guida il gruppo dell'industria della cannabis.

    Ha detto che non stiamo vedendo molte responsabilità da prodotto o altre rivendicazioni sulla cannabis come molti avevano previsto fino a questo punto nell'evoluzione dell'industria della marijuana legale, ma stiamo assistendo a sempre più richiami di prodotti.

    Jodi Green

    “E quelli sono il tipo di eventi che potrebbero dar luogo a un reclamo. E così abbiamo visto richiami per dati di test errati. Abbiamo visto richiami di mancata conformità. Abbiamo visto richiami relativi alla contaminazione da pesticidi", ha detto Sampson. “E quindi, uno, quei tipi di richiami sono istruttivi in ​​sé e per sé e possono avere implicazioni per la copertura assicurativa. Ma due, ti danno anche il senso dei tipi di eventi che potrebbero portare a un reclamo di terze parti contro un'azienda di cannabis oltre a, come ha detto Judy, esplosioni di penne a vapore e simili.

    Al fianco di Sampson c'era Jodi Green, partner di Nicolaides, Fink, Thorpe, Michaelides, Sullivan LLP. Rappresenta e fornisce consulenza a compagnie assicurative e parla regolarmente di cannabis e questioni legali.

    La coppia di avvocati ha parlato di casi come Leon Steele v. Passion Care, che afferma che le caramelle gommose "KushyPunch Hybrid, Tropical Punch" hanno preso la vita di Bre'Aun Steele dopo che le ha ingerite e hanno manifestato sintomi acuti e gravi. E United Specialty Insurance Company contro Gaia's Garden. Ciò comporta una controversia sulla copertura assicurativa per gli edibili di marijuana.

    Il caso di Gaia's Garden "ha inviato onde d'urto al settore", ha affermato Green. Il caso del Colorado ha coinvolto un uomo che ha ingerito una dose elevata di THC di edibili e poi ha ucciso sua moglie.

    Green ha anche parlato di una serie di custodie per batterie esplosive che sono state archiviate. In uno, Evanston Insurance Co. v. C9SS Inc., Evanston Insurance Co. ha sostenuto di non avere alcun obbligo di difendere o indennizzare un negozio di vaporizzatori della Carolina del Nord da una causa per lesioni personali intentata da una donna che afferma che il negozio ha venduto le sue batterie difettose che sono esplose nel suo grembo. Green ha gestito quel caso e ha vinto.

    Ha detto che il caso rientra in una linea di giurisprudenza che si sta sviluppando coinvolgendo l'esplosione di batterie di vaporizzatori.

    "Molti di loro sono nell'area del tabacco, ma ne abbiamo visti un paio anche nello spazio della cannabis", ha detto.

    A Evanston, la polizza assicurativa venduta al negozio al dettaglio prevedeva l'esclusione delle operazioni completate dai prodotti all'ingrosso.

    "Era una polizza CGL e semplicemente non forniva copertura sui prodotti", ha detto Green, aggiungendo che nello spazio della cannabis, molte polizze CGL escludono espressamente questa copertura.

    "E quindi le aziende devono uscire e acquistare prodotti separati, copertura di responsabilità", ha detto Green. “Purtroppo è molto costoso, i premi sono alti, ma vale anche la pena prenderlo al 100%. Perché questo è il tipo di caso che può porre fine alla tua attività. Se una persona viene gravemente ferita da un prodotto che vendi, e sfortunatamente tutti nella catena di approvvigionamento possono essere citati in giudizio, anche se non sapevi nulla del prodotto difettoso.

    Relazionato:

    Temi cause legali Cannabis

    "Ci sono avvocati di querelanti là fuori che stanno attivamente trollando per casi che coinvolgono lesioni presumibilmente causate dalla cannabis", ha detto Michael Sampson, partner di Leech Tishman e membro del Litigation Practice Group dell'azienda. “Stiamo vedendo che i casi iniziano ad essere archiviati. Abbiamo visto una serie di casi di lesioni relativi allo svapo archiviati. Ma è ancora presto e non abbiamo ancora visto molte decisioni segnalate dai tribunali, che ci diano un'idea di come i tribunali reagiranno a queste cause per responsabilità da prodotto, per non parlare delle azioni di copertura.

    Source: https://www.insurancejournal.com/news/west/2021/08/16/627219.htm

    Continue Reading

    Trending