Connect with us

Reuters

Sony alza le prospettive durante il boom dell'home entertainment, ma fatica a costruire più PS5

La giapponese Sony Corp ha aumentato di un terzo le prospettive di profitto per l'intero anno, aiutata dalla domanda alimentata dalla pandemia di giochi, film e altri contenuti, ma ha affermato che stava lottando per costruire abbastanza console PlayStation 5 in mezzo a una carenza globale di semiconduttori….

Published

on

TOKYO (Reuters) – La giapponese Sony Corp ha aumentato di un terzo le prospettive di profitto per l'intero anno, aiutata dalla domanda alimentata dalla pandemia di giochi, film e altri contenuti, ma ha affermato che stava lottando per costruire abbastanza console PlayStation 5 in una carenza globale di semiconduttori.

FOTO FOTO: Donne che indossano maschere protettive passano davanti a un poster del film d'animazione di successo "Demon Slayer", distribuito da Sony, di fronte a un cinema a Tokyo, Giappone, 13 dicembre 2020. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

Il conglomerato di elettronica e intrattenimento ha dichiarato mercoledì che alcuni clienti potrebbero dover attendere più a lungo per le loro console in quanto competono per i chip con altre aziende che vanno dai produttori di smartphone alle case automobilistiche.

"È difficile per noi aumentare la produzione della PS5 a causa della carenza di semiconduttori e altri componenti", ha detto il direttore finanziario Hiroki Totoki in una conferenza stampa.

Sony prevede di vendere oltre 7,6 milioni di console PS5 entro la fine di marzo, ha aggiunto.

PS5, che vende fino a $ 500, è andata rapidamente esaurita dopo il suo lancio sui siti di vendita al dettaglio online negli Stati Uniti e in Giappone a novembre, grazie alla domanda di videogiochi da parte di persone bloccate a casa a causa dei blocchi del coronavirus.

Si prevede inoltre che il passaggio alla nuova console di gioco incoraggerà i giocatori a passare ai download online o ai servizi in abbonamento, aiutando Sony ad aumentare la redditività della sua unità di gioco.

Sony prevede ora un utile operativo di 940 miliardi di yen (8,95 miliardi di dollari) nei 12 mesi fino a marzo rispetto ai 700 miliardi di yen previsti in precedenza.

Totoki ha anche affermato che Sony ha ripreso alcune spedizioni di sensori di immagine ai clienti in Cina dalla fine di novembre.

Sony era preoccupata per il potenziale impatto sulla sua attività di sensori a seguito delle restrizioni statunitensi sulle vendite di chip che utilizzano la tecnologia statunitense al produttore cinese di smartphone Huawei Technologies Co Ltd.

A novembre, Huawei ha rivelato l'intenzione di vendere il suo produttore di smartphone a basso costo Honor. Dopo lo spin-off, Honor il mese scorso ha dichiarato di aver firmato accordi con fornitori di chip e produttori di componenti, inclusa Sony.

Huawei è stato il secondo più grande cliente di sensori di immagine di Sony dopo Apple Inc, rappresentando circa il quinto dei suoi 10 miliardi di dollari di entrate dai sensori, secondo gli analisti.

L'utile operativo di Sony per il trimestre ottobre-dicembre è balzato del 20% a 359,2 miliardi di yen rispetto a un anno fa, ben oltre una stima di 179 miliardi di yen da parte di sei analisti intervistati da Refinitiv.

Storicamente meglio conosciuta per hardware come il lettore musicale Walkman e i televisori, Sony ha investito molto negli ultimi anni per potenziare la sua offerta di intrattenimento ottimizzando al contempo il suo business dell'elettronica di consumo.

Quest'anno prevede di chiudere una fabbrica in Malesia che produce apparecchiature audio per la casa, cuffie e altri prodotti.

Segnalazione di Tim Kelly; Montaggio di Kenneth Maxwell e Raju Gopalakrishnan

per-solo-telefono per-tablet-verticale-su-tablet-orizzontale-upper-desktop-upper-wide-desktop-up

Source: https://www.reuters.com/article/us-sony-results/sony-raises-profit-outlook-by-a-third-amid-coronavirus-home-entertainment-boom-idUSKBN2A30NG?il=0

Reuters

Thompson va basso per prendere il comando agli US Women's Open

Una rilassata Lexi Thompson ha sparato un impeccabile 66 all'Olympic Club sabato per saltare in vantaggio di un colpo in vista del round finale degli US Women's Open a San Francisco….

Published

on

5 giugno 2021; San Francisco, California, Stati Uniti d'America; Yuka Saso gioca un tiro da un bunker sulla terza buca durante il terzo round del torneo di golf US Women's Open all'Olympic Club. Credito obbligatorio: Kelvin Kuo-USA TODAY Sports

Una rilassata Lexi Thompson ha sparato un impeccabile 66 all'Olympic Club sabato per saltare in vantaggio di un colpo in vista del round finale degli US Women's Open a San Francisco.

Tutte le sfaccettature del gioco di Thompson stavano funzionando mentre lei ha cardato il suo giro più basso al major in 15 presenze, affondando cinque birdie e arrampicandosi coraggiosamente per evitare qualsiasi spauracchio per sedersi sette sotto 206 per il torneo, uno in più di Yuka Saso.

La famosa americana ha sorriso e firmato autografi mentre percorreva il Lake Course in pendenza dell'Olympic Club in una giornata di sole e ha detto che il lavoro che ha fatto per migliorare la sua forma mentale stava facendo la differenza nel suo gioco.

"Non ho giocato secondo i miei standard e ho capito che dovevo cambiare la mia mentalità", ha detto ai giornalisti.

"Mi faceva solo male. Ovviamente avevo bisogno di lavorare su alcune cose tecniche nel mio gioco e tutto, ma il lato mentale, penso, mi stava davvero prendendo in giro", ha detto.

"Lo stavo solo prendendo troppo sul serio."

La leader notturna Saso, 19 anni, sembrava pronta a scappare con il torneo quando è balzata in vantaggio con tre tempi, ma due banditi consecutivi su 13 e 14 hanno aperto la porta a Thompson.

La giocatrice filippina con un gioco corto e tagliente ha pareggiato con Thompson dopo aver completato un duro saliscendi su 17, ma un bogey sull'ultimo l'ha lasciata al secondo posto in solitaria.

A caccia di tre under c'erano la liceale Megha Ganne e il campione del 2019 Lee6 Jeong-eun, con il pericoloso Shanshan Feng della Cina un colpo più alla deriva.

Saso ha detto che le è piaciuto il supporto vocale che ha ricevuto dal numero limitato di fan presenti e ha detto che non vedeva l'ora di riunirsi per il suo ultimo round con Thompson e l'amica Ganne.

"Farò il tifo anche per lei", ha detto Saso con una risata quando le è stato detto che Ganne aveva detto che se non fosse stata nel torneo, Ganne avrebbe tirato per il suo compagno adolescente.

"Ci conosciamo da anni, abbiamo giocato insieme nei tornei junior e lei è davvero simpatica".

Ganne, la dilettante che ha parlato del torneo dopo aver terminato il primo round come co-leader inaspettata, ha ricevuto un trattamento da rock star dai fan di San Francisco e ha detto di aver apprezzato i riflettori.

"È stato così divertente", ha detto.

"Ho sempre immaginato di impegnarmi con i fan in quel modo perché quando ero più giovane e guardavo gli eventi, mi piaceva quando vedevo i professionisti anche solo guardare la folla o sorridere o fare qualcosa del genere.

"Quindi volevo davvero incarnarlo oggi e ho avuto la possibilità di fare alcune buche, il che è stato bello."

La 76a edizione del major segna la prima volta che si gioca nell'iconico Olympic Club, un campo che ha ospitato cinque US Open maschili.

Anche gli US Open maschili si terranno in California questo mese a Torrey Pines, nel sud della California.

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Source: https://www.reuters.com/lifestyle/sports/sun-finally-shines-us-womens-open-san-francisco-2021-06-05/

Continue Reading

Reuters

L'India vacilla sotto la massiccia ondata COVID | Immagini | Reuters

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa di COVID-19, sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, India, 21 maggio 2021…

Published

on

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa di COVID-19, sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa di COVID-19, sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa di COVID-19, sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Vicino

1 / 25

Membri della State Disaster Response Force (SDRF) pattugliano le acque del fiume Gange oltrepassando tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Membri della State Disaster Response Force (SDRF) pattugliano le acque del fiume Gange oltrepassando tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di .. .Di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Membri della State Disaster Response Force (SDRF) pattugliano le acque del fiume Gange oltrepassando tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Vicino

2 / 25

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Vicino

3 / 25

I parenti portano il corpo di un uomo per la cremazione dopo che, secondo i parenti, è stato negato il permesso per la sua sepoltura, oltre le tombe di sabbia poco profonde di <a href=persone sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio. 2021. REUTERS / Ritesh Shukla”>

I parenti portano il corpo di un uomo per la cremazione dopo che, secondo i parenti, è stato negato il permesso per la sua sepoltura, oltre le tombe di sabbia poco profonde di persone sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, … Di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

I parenti portano il corpo di un uomo per la cremazione dopo che, secondo i parenti, è stato negato il permesso per la sua sepoltura, oltre le tombe di sabbia poco profonde di persone sulle rive del fiume Gange a Shringaverpur, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio. 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Vicino

4 / 25

Sumita Nashkar, 47 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato orientale del Bengala occidentale, India, maggio 21, 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Sumita Nashkar, 47 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire assistenza sanitaria agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nel Bengala occidentale orientale … altro

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Sumita Nashkar, 47 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato orientale del Bengala occidentale, India, maggio 21, 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

5 / 25

I membri di un'équipe medica trasportano attrezzature e beni per allestire un campo medico gratuito per fornire supporto sanitario agli abitanti dei villaggi nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

I membri di un'équipe medica trasportano attrezzature e beni per allestire un campo medico gratuito per fornire supporto sanitario agli abitanti dei villaggi nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De .. .Di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

I membri di un'équipe medica trasportano attrezzature e beni per allestire un campo medico gratuito per fornire supporto sanitario agli abitanti dei villaggi nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

6 / 25

Chunilal Mondal, 60 anni, un abitante di un villaggio con difficoltà respiratorie riceve supporto di ossigeno durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Chunilal Mondal, 60 anni, un abitante del villaggio con difficoltà respiratorie riceve supporto per l'ossigeno durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, … altro

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Chunilal Mondal, 60 anni, un abitante di un villaggio con difficoltà respiratorie riceve supporto di ossigeno durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

7 / 25

Parul Mondal, 50 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato orientale del Bengala occidentale, India, maggio 21, 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Parul Mondal, 50 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire assistenza sanitaria agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nel Bengala occidentale orientale … altro

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Parul Mondal, 50 anni, una donna affetta da COVID-19, riceve ossigeno all'interno della sua casa durante un campo medico gratuito allestito per fornire supporto sanitario agli abitanti del villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato orientale del Bengala occidentale, India, maggio 21, 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

8 / 25

Il 21 maggio 2021, il dottor Ajoy Kr Mistary prende un tampone COVID dall'abitante del villaggio Boluram Mondal durante un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, in India. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Il 21 maggio 2021, il dottor Ajoy Kr Mistary prende un tampone COVID dall'abitante del villaggio Boluram Mondal durante un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, in India. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Il 21 maggio 2021, il dottor Ajoy Kr Mistary prende un tampone COVID dall'abitante del villaggio Boluram Mondal durante un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, in India. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

9 / 25

Gli abitanti del villaggio aspettano di ricevere medicine in un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Gli abitanti del villaggio aspettano di ricevere medicine in un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Gli abitanti del villaggio aspettano di ricevere medicine in un campo medico gratuito nel villaggio di Debipur nel distretto di South 24 Parganas, nello stato del Bengala occidentale orientale, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Rupak De Chowdhuri

Vicino

10 / 25

Un messaggio è scritto sul retro di un membro del personale medico da un collega del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio , 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Un messaggio è scritto sul retro di un membro del personale medico da un collega del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio , 2021 …. di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Un messaggio è scritto sul retro di un membro del personale medico da un collega del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio , 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

11 / 25

I <a href=pazienti affetti da COVID-19 ricevono cure all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi”>

I pazienti affetti da COVID-19 ricevono cure all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

I pazienti affetti da COVID-19 ricevono cure all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

12 / 25

Un medico parla con un paziente affetto da COVID-19 presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Un medico parla con un paziente affetto da COVID-19 presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Un medico parla con un paziente affetto da COVID-19 presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

13 / 25

Un operatore sanitario nutre un paziente affetto da COVID-19 all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Un operatore sanitario nutre un paziente affetto da COVID-19 all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS /Adnan … di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Un operatore sanitario nutre un paziente affetto da COVID-19 all'interno del reparto di terapia intensiva (ICU) presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

14 / 25

Gli operatori sanitari parlano mentre si trovano fuori dal reparto di terapia intensiva (ICU), dove vengono curati i pazienti COVID, presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Gli operatori sanitari parlano mentre si trovano fuori dal reparto di terapia intensiva (ICU), dove vengono curati i pazienti COVID, presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio …Di più

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Gli operatori sanitari parlano mentre si trovano fuori dal reparto di terapia intensiva (ICU), dove vengono curati i pazienti COVID, presso l'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di Nuova Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

15 / 25

Un paziente affetto da COVID-19, riceve cure all'interno di un reparto dell'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di New Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Un paziente affetto da COVID-19, riceve cure all'interno di un reparto dell'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di New Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Reuters / venerdì 21 maggio 2021

Un paziente affetto da COVID-19, riceve cure all'interno di un reparto dell'ospedale del Government Institute of Medical Sciences (GIMS), a Greater Noida, alla periferia di New Delhi, India, 21 maggio 2021. REUTERS / Adnan Abidi

Vicino

16 / 25

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19, riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, nel distretto di Jewar, nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh, India, 16 maggio 2021. In questo villaggio nel nord dell'India inghiottito dal COVID, i malati giacciono su lettini sotto un albero, il glucosio gocciola appeso a un ramo. Le mucche pascolano tutt'intorno, mentre siringhe e pacchetti di medicinali vuoti sono sparsi per terra.REUTERS / Danish Siddiqui

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19, riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, nel distretto di Jewar, nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh, India, 16 maggio 2021. In questo villaggio … di più

Reuters / lunedì 17 maggio 2021

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19, riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, nel distretto di Jewar, nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh, India, 16 maggio 2021. In questo villaggio nel nord dell'India inghiottito dal COVID, i malati giacciono su lettini sotto un albero, il glucosio gocciola appeso a un ramo. Le mucche pascolano tutt'intorno, mentre siringhe e pacchetti di medicinali vuoti sono sparsi per terra.REUTERS / Danish Siddiqui

Vicino

17 / 25

Una sacca per infusione appoggiata su un ramo di un albero viene vista in una clinica improvvisata all'aperto nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Non ci sono medici o strutture sanitarie a Mewla Gopalgarh, nello stato più popoloso dell'India dell'Uttar Pradesh, a 90 anni. minuti di auto dalla capitale nazionale Delhi. C'è un ospedale governativo nelle vicinanze ma non ha letti disponibili e gli abitanti del villaggio dicono di non potersi permettere cliniche private.REUTERS / Danish Siddiqui

Una sacca per infusione appoggiata su un ramo di un albero viene vista in una clinica improvvisata all'aperto nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Non ci sono medici o strutture sanitarie a Mewla Gopalgarh, nello stato più popoloso dell'India dell'Uttar Pradesh, a 90 anni. minuti di auto da … più

Reuters / lunedì 17 maggio 2021

Una sacca per infusione appoggiata su un ramo di un albero viene vista in una clinica improvvisata all'aperto nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Non ci sono medici o strutture sanitarie a Mewla Gopalgarh, nello stato più popoloso dell'India dell'Uttar Pradesh, a 90 anni. minuti di auto dalla capitale nazionale Delhi. C'è un ospedale governativo nelle vicinanze ma non ha letti disponibili e gli abitanti del villaggio dicono di non potersi permettere cliniche private.REUTERS / Danish Siddiqui

Vicino

18 / 25

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19 è seduto in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Invece, i praticanti del villaggio di medicina alternativa hanno organizzato un clinica aerea dove distribuiscono glucosio e altri rimedi a pazienti con sintomi di COVID-19.REUTERS / Danish Siddiqui

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19 è seduto in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Invece, i praticanti del villaggio di medicina alternativa hanno organizzato un aria … di più

Reuters / lunedì 17 maggio 2021

Harveer Singh, 65 anni, un abitante di un villaggio affetto da COVID-19 è seduto in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Invece, i praticanti del villaggio di medicina alternativa hanno organizzato un clinica aerea dove distribuiscono glucosio e altri rimedi a pazienti con sintomi di COVID-19.REUTERS / Danish Siddiqui

Vicino

19 / 25

Le siringhe utilizzate per iniettare medicine per curare gli abitanti dei villaggi con difficoltà respiratorie sono state viste in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Alcuni credono che sdraiarsi sotto l'albero di neem, noto per le sue proprietà medicinali, aumenterà il loro ossigeno livelli. Non vi è alcuna base scientifica per questa convinzione o per alcuni degli altri rimedi offerti. REUTERS / Danish Siddiqui

Siringhe utilizzate per iniettare medicine per curare gli abitanti dei villaggi con difficoltà respiratorie sono state viste in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Alcuni credono che giace sotto l'albero di neem, noto per le sue proprietà medicinali, … altro

Reuters / lunedì 17 maggio 2021

Le siringhe utilizzate per iniettare medicine per curare gli abitanti dei villaggi con difficoltà respiratorie sono state viste in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, il 16 maggio 2021. Alcuni credono che sdraiarsi sotto l'albero di neem, noto per le sue proprietà medicinali, aumenterà il loro ossigeno livelli. Non vi è alcuna base scientifica per questa convinzione o per alcuni degli altri rimedi offerti. REUTERS / Danish Siddiqui

Vicino

20 / 25

Roshan Lal, 48 anni, un abitante di un villaggio con difficoltà respiratorie riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, 16 maggio 2021. REUTERS / Danish Siddiqui

Roshan Lal, 48 anni, un abitante di un villaggio con difficoltà respiratorie riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, 16 maggio 2021. REUTERS / Danish Siddiqui

Reuters / lunedì 17 maggio 2021

Roshan Lal, 48 anni, un abitante di un villaggio con difficoltà respiratorie riposa in una culla mentre riceve cure in una clinica all'aperto improvvisata nel villaggio di Mewla Gopalgarh, 16 maggio 2021. REUTERS / Danish Siddiqui

Vicino

21 / 25

I volontari Akshaya (R), 22 anni, studentessa di legge, e Esther Mary, 41 anni, docente, portano il corpo di una <a href=persona morta a causa del COVID-19 per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar”>

I volontari Akshaya (R), 22 anni, studentessa di legge, e Esther Mary, 41 anni, docente, portano il corpo di una persona morta a causa del COVID-19 per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Reuters / mercoledì 19 maggio 2021

I volontari Akshaya (R), 22 anni, studentessa di legge, e Esther Mary, 41 anni, docente, portano il corpo di una persona morta a causa di COVID-19 per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Vicino

22 / 25

Akshaya, 22 anni, studentessa di legge e volontaria, cammina per ripararsi dalla pioggia dopo aver portato il corpo di una persona, morta a causa della malattia da coronavirus (COVID-19), per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, in India, il 18 maggio. 2021. Foto scattata il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Akshaya, 22 anni, studentessa di legge e volontaria, cammina per ripararsi dalla pioggia dopo aver portato il corpo di una persona, morta a causa della malattia da coronavirus (COVID-19), per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, in India, il 18 maggio. 2021. Foto scattata il 18 maggio 2021 …. di più

Reuters / mercoledì 19 maggio 2021

Akshaya, 22 anni, studentessa di legge e volontaria, cammina per ripararsi dalla pioggia dopo aver portato il corpo di una persona, morta a causa della malattia da coronavirus (COVID-19), per la sepoltura in un cimitero di Bengaluru, in India, il 18 maggio. 2021. Foto scattata il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Vicino

23 / 25

I motociclisti professionisti Murthaza Junaid e suo fratello Muteeb Zoheb, che fanno volontariato come autisti di ambulanze, indossano le tute protettive prima di andare a trasportare una persona con difficoltà respiratorie in un ospedale per cure a Bengaluru, India, 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

I motociclisti professionisti Murthaza Junaid e suo fratello Muteeb Zoheb, che fanno volontariato come autisti di ambulanze, indossano le loro tute protettive prima di andare a trasportare una persona con difficoltà respiratorie in un ospedale per cure a Bengaluru, India, 18 maggio 2021 …. altro

Reuters / mercoledì 19 maggio 2021

I motociclisti professionisti Murthaza Junaid e suo fratello Muteeb Zoheb, che fanno volontariato come autisti di ambulanze, indossano le tute protettive prima di andare a trasportare una persona con difficoltà respiratorie in un ospedale per cure a Bengaluru, India, 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Vicino

24 / 25

Akshay Mandlik, 37 anni, professore e volontario, beve acqua mentre si siede dopo aver trasportato il corpo di una persona morta a causa di COVID per la sepoltura in un cimitero a Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Akshay Mandlik, 37 anni, professore e volontario, beve acqua mentre si siede dopo aver trasportato il corpo di una persona morta a causa di COVID per la sepoltura in un cimitero a Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Reuters / mercoledì 19 maggio 2021

Akshay Mandlik, 37 anni, professore e volontario, beve acqua mentre si siede dopo aver trasportato il corpo di una persona morta a causa di COVID per la sepoltura in un cimitero a Bengaluru, India, il 18 maggio 2021. REUTERS / Samuel Rajkumar

Vicino

25 / 25

Una vista mostra tombe di sabbia poco profonde di persone, alcune delle quali si sospetta siano morte a causa del coronavirus, sulle rive del fiume Gange a Phaphamau, alla periferia di Prayagraj, in India, il 21 maggio 2021. REUTERS / Ritesh Shukla

Source: https://www.reuters.com/news/picture/india-reels-under-massive-covid-wave-idUSRTXCIAI1

Continue Reading

Reuters

L'UE raggiunge un accordo sui pass COVID-19 per salvare l'estate

L'Unione europea ha raggiunto un accordo giovedì sui certificati COVID-19 progettati per aprire il turismo in tutto il blocco di 27 nazioni quest'estate, poiché una rapida raccolta di vaccinazioni consente un ampio allentamento delle restrizioni sul coronavirus….

Published

on

I passeggeri che indossano maschere protettive camminano all'aeroporto di Fiumicino, a seguito dell'epidemia di coronavirus (COVID-19), a Roma, 30 giugno 2020. REUTERS / Guglielmo Mangiapane

L'Unione europea ha raggiunto un accordo giovedì sui certificati COVID-19 progettati per aprire il turismo in tutto il blocco di 27 nazioni quest'estate, poiché una rapida raccolta di vaccinazioni consente un ampio allentamento delle restrizioni sul coronavirus.

I legislatori del Parlamento europeo e l'attuale presidente dell'UE, il Portogallo, in rappresentanza degli Stati membri, hanno siglato l'accordo dopo un quarto round di negoziati giovedì pomeriggio.

"Non ripeteremo l'incubo dell'estate 2020", ha detto in conferenza stampa Juan Fernando Lopez Aguilar, il parlamentare spagnolo che ha guidato la squadra del parlamento.

Il certificato gratuito assumerà la forma di un codice QR su uno smartphone o su carta, consentendo alle autorità di determinare lo stato di un visitatore in base ai record nel loro paese dell'UE di origine. Il certificato mostrerebbe se una persona ha ricevuto un vaccino, ha avuto un recente test negativo o ha avuto l'immunità basata sul recupero.

Quasi il 40% degli adulti dell'UE ha ricevuto una prima dose di vaccino.

I legislatori volevano che i paesi si impegnassero a testare gratuitamente il certificato e hanno affermato che nessun paese dell'UE dovrebbe stabilire ulteriori requisiti di quarantena.

La Germania e la Svezia sono state tra coloro che hanno resistito, hanno detto i funzionari dell'UE, anche se i paesi dell'UE in generale sono riluttanti a rinunciare alla loro ultima parola sui controlli alle frontiere.

Alla fine, i paesi dell'UE hanno concordato di astenersi dall'imporre ulteriori restrizioni, come test o quarantene, a meno che non sia ritenuto necessario per motivi di salute pubblica, ad esempio a causa dell'ascesa di una nuova variante del coronavirus.

La Commissione europea, che ha anche partecipato ai negoziati, si è impegnata a mettere a disposizione 100 milioni di euro (120 milioni di dollari) del suo fondo di sostegno di emergenza per contribuire a rendere i test accessibili, con più denaro se necessario.

L'accordo tra le istituzioni dovrebbe consentire al Parlamento europeo di approvare una legge nella settimana dal 7 giugno e per più di una dozzina di paesi dell'UE, tra cui Francia e Spagna, di testare il sistema prima del lancio il 1 ° luglio.

I paesi dell'UE consentirebbero alle persone inoculate con vaccini autorizzati dall'UE e potrebbero scegliere di accettare altri vaccini. Lo schema copre anche i membri non UE della zona Schengen senza frontiere – Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Lo schema del certificato è separato dai piani per aprire l'Unione Europea ai visitatori non UE vaccinati.

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

"Non ripeteremo l'incubo dell'estate 2020", ha detto in conferenza stampa Juan Fernando Lopez Aguilar, il parlamentare spagnolo che ha guidato la squadra del parlamento.

Source: https://www.reuters.com/world/europe/eu-grapples-over-covid-19-passes-summer-travel-2021-05-20/

Continue Reading

Trending