Connect with us

Coindesk

Un fondo di $ 10M da Terra basato su Cosmos sosterrà volentieri i progetti DeFi su Ethereum

Terraform Labs ha lanciato un fondo di 10 milioni di dollari per supportare gli audit di sicurezza su DeFi nel tentativo di promuovere le integrazioni di UST e LUNA….

Published

on

Il fondo pagherà per l'unica cosa che gli sviluppatori non possono fare internamente: audit di sicurezza.

4 febbraio 2021 alle 14:00 UTC Aggiornato il 4 febbraio 2021 alle 14:59 UTC

Un fondo di 10 milioni di dollari da Terra basato su Cosmos sosterrà volentieri i progetti DeFi su Ethereum

I creatori della suite di stablecoin Terra basata su Tendermint stanno aprendo un fondo per promuovere l'utilizzo dei suoi token ovunque le persone stiano facendo finanza decentralizzata (DeFi) – e questo significa principalmente Ethereum.

Annunciato giovedì, Terraform Labs ha lanciato un fondo da 10 milioni di dollari, Terraform Capital, per promuovere le integrazioni della sua stablecoin ancorata al dollaro, TerraUSD (UST), o del suo token di governance, LUNA, in tutta DeFi, coprendo il costo degli audit di sicurezza. Questo segue subito dopo a Round di finanziamento di $ 25 milioni da molti dei maggiori venture capitalist di criptovaluta il mese scorso.

"Obiettivo principale del fondo: aumentare l'integrazione di UST sullo stack DeFi di Ethereum", ha detto a CoinDesk Do Kwon, co-fondatore di Terraform Labs, in una e-mail. "ROI previsto: alto – può finanziare un centinaio di audit con poche integrazioni di successo."

Il fondo sta costituendo un lista di revisori della sicurezza essere pronti a muoversi rapidamente e ottenere nuove offerte fuori dalla porta con le garanzie di sicurezza che i primi utenti desiderano. In questo momento hanno alcune aziende sul ponte per fare il lavoro: Sentnl, Quantstamp e Solidified.

"Solo nel 2020, oltre 240 milioni di dollari di risorse digitali sono stati persi o rubati a seguito di hack DeFi, ma nessun fondo è stato compromesso nel codice controllato da Quantstamp", Quantstamp Il CEO Richard Ma ha detto in un comunicato stampa.

Come notato, Terraform vuole fomentare l'uso di UST e LUNA, ma non è preoccupato per la blockchain su cui si basa il progetto. Sebbene sia una blockchain di Tendermint, questo fondo è felice di investire ovunque le criptovalute di Terraform possano essere portate.

"Vogliamo che questo fondo acceleri la quantità di costruzione che può accadere su Ethereum (e qualsiasi altro livello 1 scelto dai costruttori)", ha detto a CoinDesk Jeffrey Kuan, del team di sviluppo aziendale di Terraform.

Ha detto che gli audit di sicurezza sono la principale barriera in termini di costi per questi nuovi team. "Speriamo che il fondo possa ridurre il più possibile l'attrito per i team promettenti che stanno costruendo, con l'obiettivo di aumentare il PIL dell'ecosistema blockchain", ha detto Kuan.

Qualunque cosa siano i massimalisti, prendi nota: questo tipo di fondo riguarda i fondamentali che guidano una battaglia simbolica piuttosto che promuovere una qualsiasi delle lotte tribali delle criptovalute.

Uno dei sostenitori originali di Terraform Labs, Michael Arrington, fondatore di Arrington XRP Capital, ha detto a CoinDesk in una telefonata che non importa ai possessori di LUNA dove viene utilizzato UST, perché i due token sono inestricabilmente collegati.

"Se c'è un prodotto che utilizza UST, guida la domanda di LUNA", ha detto Arrington. "Che sia su Ethereum o Cosmos, non importa."

Source: https://www.coindesk.com/terraform-labs-fund-defi-security-audits

Coindesk

SBI giapponese che investe la somma "a otto cifre" nel Sygnum della banca crittografica svizzera

La società di servizi finanziari giapponese SBI Holdings guiderà un round di finanziamento in corso per la banca di asset digitali svizzera Sygnum….

Published

on

La filiale delle risorse digitali di SBI guiderà un round che avrà raccolto circa 30 milioni di dollari per l'azienda svizzera in sei mesi.

18 febbraio 2021 alle 12:07 UTC Aggiornato il 18 febbraio 2021 alle 01:24 UTC

SBI giapponese che investe la somma "a otto cifre" nel Sygnum della banca crittografica svizzera

SBI Holdings, una società di servizi finanziari giapponese, guiderà un round di raccolta fondi strategica in corso per la banca svizzera di asset digitali Sygnum.

Sygnum, che detiene una licenza bancaria svizzera, ha dichiarato martedì di essersi assicurata un investimento in dollari USA a "otto cifre" dalla sussidiaria di SBI, SBI Digital Asset Holdings, che verrà utilizzato per aiutare l'azienda a far crescere la sua base di clienti ed espandersi in nuovi mercati attraverso Europa e Asia.

L'azienda, che ha basi in Svizzera e Singapore, ha affermato che lo sforzo di raccolta fondi avrà portato investimenti di circa $ 30 milioni negli ultimi sei mesi, aiutando l'azienda a far crescere i suoi asset amministrati, che ammontavano a oltre $ 500 milioni a gennaio 2021.

Man mano che la società si prepara per una possibile offerta pubblica, il capitale raccolto servirà anche ad aumentare la gamma di offerte di custodia di Sygnum, commercializzare la sua piattaforma di tokenizzazione e la struttura di trading sul mercato secondario, nonché espandere la sua infrastruttura API di open banking.

"Con questo forte inizio al 2021, non vediamo l'ora di lavorare con i nostri stakeholder per continuare a innovare nuove soluzioni, lanciare nuovi prodotti e, infine, fornire ai nostri clienti la possibilità di partecipare all'opportunità di risorse digitali in rapida crescita in modo sicuro, conveniente e modo completamente regolamentato ", ha affermato Gerald Goh, co-fondatore e CEO di Sygnum Singapore.

Le due aziende intrattengono rapporti d'affari dallo scorso ottobre, anno in cui ha lanciato un fondo a Singapore si è concentrato sulle opportunità di investimento in criptovaluta nella fase iniziale.

Source: https://www.coindesk.com/japans-sbi-investing-eight-figure-sum-in-swiss-crypto-bank-sygnum

Continue Reading

Coindesk

Deutsche Bank pianifica tranquillamente di offrire Crypto Custody, Prime Brokerage- CoinDesk

Il piano d'azione della banca è stato nascosto in bella vista in un rapporto ampiamente trascurato del Forum economico mondiale….

Published

on

Il piano d'azione della banca è stato nascosto in bella vista in un rapporto ampiamente trascurato del Forum economico mondiale.

Sede della Deutsche Bank a Francoforte, Germania (Thomas Lohnes / Getty Images)

13 febbraio 2021 alle 2:10 UTC Aggiornato il 13 febbraio 2021 alle 2:18 UTC

Deutsche Bank pianifica tranquillamente di offrire custodia crittografica, Prime Brokerage

Deutsche Bank si è unita ai ranghi crescenti delle grandi istituzioni finanziarie che esplorano la custodia delle criptovalute, con l'aspirazione di offrire servizi di alto livello agli hedge fund che investono nella classe di attività.

Il prototipo di Deutsche Bank Digital Asset Custody mira a sviluppare "una piattaforma di custodia completamente integrata per i clienti istituzionali e le loro risorse digitali che forniscono connettività senza soluzione di continuità al più ampio ecosistema di criptovaluta", secondo un rapporto poco notato del World Economic Forum, ospite del raduno annuale dei muckety-mucks a Davos, in Svizzera.

In un passaggio sepolto a pagina 23 del rapporto di dicembre 2020, la più grande banca tedesca afferma che intende creare una piattaforma di trading e di emissione di token, collegando le risorse digitali con i servizi bancari tradizionali e gestendo la gamma di risorse digitali e partecipazioni legali in un unico facile- piattaforma da usare.

Le grandi banche stanno ora annunciando piani per entrare in custodia di criptovalute quasi quotidianamente, con la Bank of New York Mellon, la più grande banca depositaria del mondo, che si è unita alla festa all'inizio di questa settimana.

Le banche statunitensi hanno ricevuto una certa chiarezza normativa grazie a quella dell'anno scorso lettere di interpretazione dall'ufficio del controllore della valuta. In Germania, le aziende fanno la fila per mettere le mani su speciali licenze di custodia di criptovalute dal regolatore del paese, BaFIN.

Deutsche, il mondo 21a banca più grande, ha affermato che mira a "garantire la sicurezza e l'accessibilità delle risorse per i clienti offrendo una soluzione di stoccaggio caldo / freddo di livello istituzionale con protezione di livello assicurativo". Non vengono menzionate criptovalute o token specifici.

La piattaforma di custodia degli asset digitali sarà lanciata in più fasi. Alla fine fornirebbe ai clienti la possibilità di acquistare e vendere risorse digitali tramite una partnership con prime broker (che agiscono come i portieri per gli hedge fund), emittenti e scambi controllati.

La banca afferma che fornirà anche "servizi a valore aggiunto come tassazione, servizi di valutazione e amministrazione di fondi, prestito, puntata e voto, e fornirà una piattaforma di open banking per consentire l'onboarding di fornitori di terze parti".

Il servizio sarebbe rivolto a gestori patrimoniali, gestori patrimoniali, family office, società e fondi digitali, ha affermato la banca.

In termini di modello di business, la banca inizierebbe a raccogliere commissioni di custodia, ha affermato, addebitando successivamente commissioni per la tokenizzazione e il trading.

Deutsche ha affermato di aver completato una prova di concetto e punta a un prodotto minimo praticabile nel 2021, esplorando l'interesse dei clienti globali per un'iniziativa pilota.

Venerdì sera non è stato possibile raggiungere l'ufficio stampa della banca per un commento. Un portavoce ha rifiutato di commentare i potenziali piani per un'attività di custodia di asset digitali quando è stato contattato la scorsa settimana da CoinDesk.

Source: https://www.coindesk.com/deutsche-bank-crypto-custody-prime-brokerage

Continue Reading

Coindesk

Elon Musk morde Freewallet dopo il Tweet di Dogecoin

Il CEO di Tesla ha affermato che gli utenti di criptovalute dovrebbero evitare i portafogli che non danno loro accesso alle loro chiavi private…

Published

on

Il CEO di Tesla ha affermato che gli utenti di criptovalute dovrebbero evitare i portafogli che non danno loro accesso alle loro chiavi private

10 febbraio 2021 alle 12:07 UTC

Elon Musk morde Freewallet dopo il Tweet di Dogecoin

Elon Musk ha rilasciato una breve attenzione a Freewallet su Twitter dopo che il fornitore del portafoglio di criptovaluta ha tentato di utilizzare il tweet del CEO di Tesla che celebra il dogecoin per promuovere i suoi servizi.

  • Dicendo app di Freewallet "fa schifo"Musk ha dichiarato mercoledì la sua convinzione che gli utenti crittografici dovrebbero evitare i portafogli che non danno loro accesso alle loro chiavi private
  • Musk ha seguito questo twittando un'immagine di Chuck Norris dicendo che l'artista marziale e attore "può ritirare bitcoin dal Monte Gox", una versione del popolare meme "Chuck Norris Facts"
  • A causa di incidenti di sicurezza come il famigerato hack di Mt. Gox exchange, che ha sollevato quasi 750.000 utenti da $ 450 milioni di bitcoin, gli esperti di crittografia consigliano di archiviare le partecipazioni in portafogli sicuri lontano da fornitori di terze parti.
  • Il sentimento ha dato origine all'espressione popolare "Non le tue chiavi, non le tue monete".
  • Freewallet aveva ritwittato Il tweet di Musk durante un recente dogecoin aumento dei prezzi, nel tentativo di promuovere i suoi servizi di acquisto DOGE.
  • Musk è stato affezionato twittando su bitcoin e dogecoin, spesso visto come troll amichevole della comunità crittografica. Tuttavia, Tesla lo ha rivelato lunedì aveva investito $ 1,5 miliardi in bitcoin, notizia che ha fatto salire la criptovaluta a nuovi massimi superiori a $ 48.000.

Source: https://www.coindesk.com/elon-musk-bites-back-at-freewallet-after-dogecoin-tweet

Continue Reading

Trending